Sei comuni senza acqua per lavori alle Sardellane: previste le autobotti

Mercoledì 24 giugno, verranno effettuati lavori di riparazione sulla condotta adduttrice proveniente da Sardellane, a servizio dei Comuni di Latina, Pontinia, Sabaudia, San Felice Circeo, Sezze e Terracina.

I tecnici interverranno su tre diversi cantieri e lavoreranno su oltre 10 km di condotta per eliminare le perdite e garantire un più efficiente servizio a tutte le utenze servite. Si tratta di lavori particolarmente importanti e delicati in quanto la condotta oggetto della riparazione, è tra le principali del territorio e rifornisce oltre 120.000 cittadini della pianura pontina.

L’interruzione idrica è inevitabile e inizierà alle 21 di mercoledì 24 giugno con il ripristino previsto nelle prime ore della mattinata di giovedì 25 giugno.

Le zone interessate saranno:

  • Latina – intero Comune ad esclusione di Borgo Sabotino, Latina Scalo, Borgo Montello, Borgo S.Maria, Borgo Bainsizza, Borgo Podgora, Borgo Carso e Borgo Le Ferriere
  • Pontinia e Sabaudia – Interi comuni
  • San Felice Circeo – Zona bassa e Borgo Montenero
  • Terracina – Colle La Guardia 1 e 2
  • Sezze – Via Migliara 46 e Sezze Scalo

Per supportare le esigenze dei cittadini coinvolti, verranno messe a disposizione delle autobotti nelle seguenti zone:

  • Latina – Largo Cavalli (zona Q5) e Largo Cesti nei pressi uffici AUSL
  • San Felice Circeo – Via Sabaudia, presso il piazzale commerciale, e Piazza Quattro Ottobre a Borgo Montenero
  • Pontinia – Piazza Kennedy

Saranno disponibili delle autobotti a disposizione esclusiva dell’Ospedale Santa Maria Goretti e delle autobotti per garantire il servizio alle utenze sensibili (Icot e altre utenze).

L’articolo Sei comuni senza acqua per lavori alle Sardellane: previste le autobotti proviene da LatinaCorriere.it.

originale su Latinacorriere©
Author: Redazione

Precedente Coronavirus, l'analisi: il 61% dei casi è un uomo con età media di 59 anni Successivo Il premier Conte al Circeo, breve vacanza di coppia: immortalati da “Diva e Donna”