Una App e un QR Code regalano poesie nel Parco Riviera di Ulisse, come a Central Park

Un’installazione poetica permanente, curata dall’Associazione Culturale Leggendarie, arricchirà i sentieri del parco. Tramite dei QR-code reperibili sul posto, il visitatore potrà scaricare, sul proprio dispositivo, un’applicazione che, sfruttando la geolocalizzazione, proporrà una poesia diversa per ogni luogo.
Questa idea, di Giovanna Iorio, già adottata in Regno Unito (Hyde Park, Epping Forest), Irlanda, Francia (Nizza, Sète, Parigi, Marsiglia), New York (Central Park), Nuova Zelanda, Groenlandia e Giappone, renderà ancora più suggestivi luoghi come il Sentiero Natura Promontorio Villa di Tiberio, Monte Orlando, Gianola e la Torre Quadrata.
I percorsi, attualmente, includono più di 20 poeti italiani dal 900 ad oggi e anche artisti locali contemporanei. Inoltre sono disponibili “12 Poesie d’amore per un albero” di Giovanna Iorio, declamate dalla voce di Barbara Marchand, con musiche di Lucio Lazzaruolo.

«Un modo esemplare – spiega la Presidente del Parco Carmela Cassetta – per coniugare tecnologia, cultura e immersione in natura. E probabilmente non si poteva farlo che con la poesia».
La predisposizione di ogni percorso sarà preceduta da un evento inaugurale gratuito e aperto a tutti che offrirà ai partecipanti una passeggiata a piedi tra le voci dei poeti, un reading poetico con la presenza dal vivo di poeti del territorio e un concerto-perfomance poetico dal titolo “Amando Amando” ideato della poetessa Rossella Tempesta e teatralizzato dai maestri Caterina Bono, al violino, e Vincenzo Zenobio al clarino e fisarmonica.
Il primo della serie si terrà  domenica 13 settembre nell’area naturale di Gianola (Formia).
 The post Una App e un QR Code regalano poesie nel Parco Riviera di Ulisse, come a Central Park first appeared on Luna Notizie – Notizie di Latina.
originale su Radioluna ©
Author: Francesca Balestrieri

Precedente Coronavirus, cinque nuovi casi positivi in provincia di Latina Successivo La scuola partirà il 24 settembre, ecco perchè