Terracina, la cantina Sant’Andrea premiata al concorso enologico della Camera di commercio

Prestigioso riconoscimento per la Cantina Sant’Andrea di Terracina, che ieri è stata premiata al 45esimo concorso enologico nazionale “Premio Douja d’Or 2017”. L’evento è stato organizzato, come ogni anno, dalla Camera di Commercio di Asti d’intesa con l’Onav (Organizzazione nazionale assaggiatori di vino).

Il concorso, riservato a viticoltori vinificatori in proprio, a cantine sociali, a industriali e commercianti del settore vinicolo, si propone prioritariamente di valorizzare per ogni singola zona di produzione i vini qualitativamente migliori favorendone la conoscenza e l’apprezzamento.

Trecentosedici produttori hanno presentato 863 vini doc e docg e le aziende premiate, che hanno ottenuto una valutazione minima, sono state 175 per un totale di 299 vini. L’unica azienda partecipante del Lazio è stata la Cantina Sant’Andrea di Gabriele Pandolfo di Terracina,  premiata per il Circeo Bianco 2016 – Riflessi, il Circeo Bianco 2014 – Dune, Il Moscato di Terracina Amabile 2016 – Templum, per il Moscato di Terracina Passito 2014 – Capitolium e per il Moscato di terracina Secco 2016 – Oppidum.

I vini premiati che hanno superato la qualificata selezione da parte dell’Onav diventeranno i protagonisti ad Asti, dall’8 al 17 settembre, del 45esimo Salone Nazionale “Douja d’Or”, che offre alle migliaia di turisti ed appassionati che lo visitano un articolato programma di degustazioni, appuntamenti gastronomici, spettacoli e convegni.

“L’entusiasmo, la competenza e la scrupolosità maturate nella gestione dell’impresa – ha sottolineato il Zappia, Commissario straordinario della Camera di Commercio di Latina – sono alla base dell’eccellenza di una attività oramai consolidata nell’ambito del settore agroalimentare, il cui giusto riconoscimento è stata l’assegnazione di un premio a valenza nazionale”.

originale su LatinaQuotidiano.it©
Author: Redazione LatinaQuotidiano.it

Precedente Il sindaco di Terracina: navigazione interdetta sul Sisto, atto inevitabile per accelerare i tempi per la messa in sicurezza del ponte Successivo San Felice, tutti i colori della narrativa al Circeo