Storia di una promessa da mantenere: Simone Leo in vetta al Semprevisa per ricordare l’amico Daniele


Una storia di amicizia tra due grandi atleti che, nonostante la difficoltà e la fatica del proprio sport, hanno sempre vissuto lontani dai riflettori e concentrati solamente a fare al meglio ciò che più gli piace…

Daniele Nardi, alpinista di Sezze, e Simone Leo, ultramaratoneta milanese.

Proprio ieri il runner lombardo è tornato in provincia di Latina. Un’unica tappa per mantenere fede ad una promessa fatta all’amico, proprio pochi prima della partenza di Daniele verso quella che sarebbe stata la sua ultima spedizione: quella verso il maledetto Naga Parbat.

Le parole che Simone affida al proprio profilo facebook sono piene di commozione e, si vede, vengono dal cuore. Scrive: “Sesto giorno del Friendship Running Tour, il più importante.

Era da tempo che volevo farlo, ma dovevo trovare il momento giusto e non era facile.
Ieri finalmente sono salito alla Cima Nardi sul Semprevisa, a chiudere una promessa fatta tempo fa: “la tua maglietta in cambio della mia piccozza”, mi disse Daniele appena prima di partire per il Nanga.

Ecco, ora la maglia è lassù dove deve stare”.

Accompagnato dal papà di Daniele, Simone ha deposto la sua maglia proprio in cima, dove appesa alla croce che domina tutta la pianura pontina, da Anzio fino al Circeo, c’è la targa posta il giorno in cui la vetta è stata intitolata a Daniele.

Promessa mantenuta, quindi, e poi una frase, a chiudere il post, che riassume tutto il senso della fatica e della determinazione che accomunava questi due grandi atleti: “Vale la pena farlo”.

SIMONE




LEO

Simone Leo è uno dei pochi che è riuscito a trasformarsi, in pochi anni, circa 11, da obeso, antisportivo e senza prospettive soddisfacenti per il futuro, a ultramaratoneta conosciuto a livello mondiale e coach di successo per centinaia di persone.

È anche al momento, l’unico uomo al mondo ad aver completato quelle che sono considerate le 7 gare su strada più dure del pianeta che, nel settore, vengono chiamate le “Seven Sisters”, completate tutte al primo tentativo.

Collabora con le aziende per ispirare dirigenti e personale con la sua “Spostando Il Limite Storytelling” e la sua metodologia che gli ha permesso di conseguire il 100% dei target stabiliti negli ultimi dieci anni.

L’articolo Storia di una promessa da mantenere: Simone Leo in vetta al Semprevisa per ricordare l’amico Daniele proviene da Latina Quotidiano.

originale su LatinaQuotidiano.it©
Author: Lidano Orlandi

Precedente Coronavirus, l'analisi: il 61% dei casi è un uomo con età media di 59 anni Successivo Il premier Conte al Circeo, breve vacanza di coppia: immortalati da “Diva e Donna”