San Felice: truffa delle case vacanza, 2.800 euro per un’abitazione non in affitto

Con la fine del lockdown tornano le truffe relative alle case vacanza. Questa estate sono andate a ruba per via delle misure ancora in atto contro il coronavirus e difficilmente se ne trovano ancora a buon prezzo. Bisogna però stare attenti a chi se ne vuole approfittare.

Ieri i carabinieri di San Felice Circeo hanno denunciato 5 persone per truffa in concorso, poiché, tramite web, con artifici e raggiri, dietro la falsa promessa di offrire in locazione, per il mese di agosto 2020, un’abitazione nel comune, sono riusciti a farsi accreditare da una donna tramite ricariche Postepay, la somma complessiva di 2.800 euro.

La donna però si è insospettita e si è rivolta ai carabinieri che hanno svolto le indagini e sono risaliti al gruppo.

L’articolo San Felice: truffa delle case vacanza, 2.800 euro per un’abitazione non in affitto proviene da LatinaCorriere.it.

originale su Latinacorriere©
Author: Redazione

Precedente Coronavirus, l'analisi: il 61% dei casi è un uomo con età media di 59 anni Successivo Il premier Conte al Circeo, breve vacanza di coppia: immortalati da “Diva e Donna”