San Felice, chiusura Rida: sospesa la raccolta dell’indifferenziato in zona 1

Il Comune di San Felice Circeo ha sospeso per domani, 2 luglio 2020, la raccolta porta a porta dell’indifferenziato (residuo non riciclabile), per la zona 1 del territorio comunale che comprende l’area di Borgo Montenero (comprese tutte le campagne), Pantano Marino, Colonia Elena, Mezzomonte, Campo la Mola, via Terracina, via Mediana Vecchia e San Vito solo per le utenze domestiche. Domani 2 luglio e sabato 4 luglio si procederà regolarmente alla raccolta dell’indifferenziato per tutte le utenze non domestiche (attività commerciali).

La decisione è stata presa a causa dello stop al conferimento della Rida Ambiente di Aprilia.

La raccolta sospesa domani per la zona 1 dell’indifferenziato riprenderà il prossimo 9 luglio, mentre negli altri giorni di conferimento resta valido il calendario.

“Una decisione difficile – hanno spiegato dall’amministrazione – specie nel pieno della stagione estiva, che subisce il Comune di San Felice Circeo per scelta del gestore dell’Impianto di Aprilia che sta comportando ripercussioni anche su altri comuni della provincia di Latina per le stessi ragioni.

Il comune venuto a conoscenza stamattina della proroga della chiusura ha provato ad attivare conferimenti alternativi, ma nessun impianto contattato ha dato la disponibilità a ricevere i rifiuti del territorio in assenza di un contratto di conferimento valido a tutto il 31 dicembre prossimo”.

“Non voglio entrare in polemica con nessuno – ha sottolineato il sindaco Schiboni – ma credo che la questione dei rifiuti e delle conseguenze igienico sanitarie sui territori debbano essere valutate con attenzione ed equilibrio, né si può pensare che dietro tali scelte ci sia solo l’interesse economico e non si tenga minimamente conto dell’interesse pubblico e dei rischi sulla cittadinanza”.

L’articolo San Felice, chiusura Rida: sospesa la raccolta dell’indifferenziato in zona 1 proviene da LatinaCorriere.it.

originale su Latinacorriere©
Author: Redazione

Precedente Coronavirus, l'analisi: il 61% dei casi è un uomo con età media di 59 anni