Rapine a Latina, Giovanni Bernardi incastrato dalla refurtiva e da un anello

E’ Giovanni Bernardi il rapinatore arrestato ieri per i due colpi messi a segno a Borgo Piave e in via Cisterna, a Latina, dove è stato picchiato il gestore della tabaccheria. Il 42enne è stato trovato con una parte della refurtiva in auto, 72 euro in monete. La somma portata via dall’alimentari di Borgo Piave ammonta a 200 euro: tutti pezzi di ferro. In più 25 pacchetti di sigarette (questi sarebbero stati sottratti al tabaccaio) e il marsupio del proprietario.

L’uomo, però, sarebbe stato incastrato anche dalle telecamere che hanno ripreso una mano con un anello che corrisponde a quello da lui indossato. Nonostante avesse il passamontagna gli investigatori hanno avuto diversi elementi per disporre l’arresto. L’uomo sarà interrogato domani mattina, dal giudice per le indagini preliminari Mario La Rosa. E’ difeso dall’avvocato Adriana Anzeloni.

A suo carico le ipotesi di reato di rapina aggravata e dell’arma con la quale avrebbe colpito il tabaccaio alla testa. Disoccupato era stato condannato in passato per un’estorsione ai danni di un 38enne di San Felice Circeo.

L’articolo Rapine a Latina, Giovanni Bernardi incastrato dalla refurtiva e da un anello proviene da LatinaCorriere.it.

originale su Latinacorriere©
Author: Silvia Colasanti

Precedente Operazione Fiore, tre arresti per droga. Base dello spaccio a Fondi, coinvolta una ragazza di Latina Successivo Investita in bici al Lido: informativa in Procura. Ricostruita la dinamica