L’Anpi di Terracina ricorda le vittime dell’eccidio di Borgo Montenero

“In uno scenario in cui l’Italia e il mondo erano coinvolti in una assurda guerra scatenata dai regimi nazifascisti, a Borgo Montenero, piccolo centro nel territorio di San Felice Circeo, si consumò una delle tante stragi compiute dai nazisti in Italia. Forse non tutti sanno che le vittime di quest’eccidio erano terracinesi e a loro sono dedicate alcune strade della nostra città. L’A.N.P.I. di Terracina, da quando è nata, partecipa ogni anno alle commemorazioni del comune di San Felice Circeo e continua a rinnovare la memoria dell’eccidio di Borgo Montenero.

Quest’anno, viste le restrizioni, abbiamo prodotto un video che spiega in breve l’accaduto e che se diffuso può aiutarci a mantenere viva la memoria di questo evento. La notte del 3 maggio del 1944 nelle campagne di Borgo Hermada ventitré uomini vennero catturati dai militari tedeschi a seguito di un rastrellamento. L’accusa: non aver eseguito immediatamente l’ordine di evacuazione.
I malcapitati furono imprigionati a Borgo Montenero, dove furono tradotti dopo un lungo tragitto a piedi sotto la minaccia delle armi.
All’ alba del 4 maggio del 1944 cinque dei ventitré catturati: Cascarini Cesare, Benvenuti Francesco, Savelli Bernardo, Gallo Giuseppe e Vagnozzi Vittorio vennero trucidati nel campo sportivo di Borgo Montenero sotto i colpi di fucile esplosi da un plotone d’ esecuzione.
Uno dei delitti supremi che continua a consumarsi nei nostri giorni è l’offesa della memoria; bisogna continuare a soffiare sulle braci di quel passato segnato dalla violenza nazifascista affinché esse non si spengano del tutto.
Lasciare spegnere queste braci comporterebbe un danno irrimediabile per la nostra collettività, che non può fare a meno di nutrirsi delle testimonianze del suo passato per legare ad esse il suo avvenire”.

L’articolo L’Anpi di Terracina ricorda le vittime dell’eccidio di Borgo Montenero sembra essere il primo su h24 notizie – portale indipendente di news dalla provincia.

originale su h24notizie©
Author: Comunicato Stampa

Precedente Coronavirus, l'analisi: il 61% dei casi è un uomo con età media di 59 anni