Elezioni amministrative. Sanfeliciano sei pronto?


Prossime elezioni amministrative comunali. Siamo pronti ad affrontarle?

amministrative
amministrative comunali

Se ne sente parlare sommessamente, quasi con reverenziale timore per non far torto a nessuno, per non farsi nemici che potrebbero mettere i bastoni tra le ruote alla propria attività o ai propri progetti, ma tra meno di un anno a San Felice Circeo si tornerà a votare.

Ebbene si, cari compaesani, sono passati quattro anni e siamo entrati nel quinto dell’amministrazione guidata da Giovanni Petrucci ex presidente del C.O.N.I.. Gestione amata oppure odiata, questo non possiamo dirlo noi umili redattori di questo pezzo, ma voi cittadini di San Felice Circeo. Infatti non ci preme, con questo articolo, lodare o denigrare chicchessia né le vecchie amministrazioni né tanto meno quella in corso perché obiettivamente riteniamo che tutte abbiano apportato sia migliorie ma immancabilmente anche peggioramenti che sono davanti agli occhi di tutti.

Pensiamo che il sanfeliciano, oggi più che mai abbia bisogno di sicurezza economica e quindi di lavoro, e a  San Felice Circeo, paese a vocazione turistica si può e si deve lavorare in questa direzione per garantire un turismo nell’arco dei dodici mesi e non ridotto alla stagione estiva ovvero alla settimana di ferragosto. Chiunque vorrà candidarsi a sindaco dovrà tenere presente questo fondamentale punto.

Tralasciamo i “programmi elettorali”, siamo onesti ma chi li ha letti? Noi li abbiamo letti e conservati e vi possiamo garantire che solo una minima parte di quanto scritto nella “bibbia” del candidato sindaco sia stata realizzata. Troppo poco!

Onestamente pensiamo che a San Felice Circeo sia ora di rinnovare il consiglio comunale lasciando spazio a forze nuove a idee nuove evitando di riconfermare chi sia già stato eletto, non perché non sia stato in grado di svolgere la propria mansione ma proprio in virtù del fatto che la abbia svolta e con i risultati che sono all’evidenza di tutti gli elettori. E ovvio che parlare è facile e che le problematiche sul territorio di San Felice sono innumerevoli, tanto per citarne alcune: l’uso civico, i livelli baronali, la gestione del porto, l’impatto ambientale e quindi le normative connesse con il Parco Nazionale gioia e dolore del nostro amato paese, ma pensiamo che iniziando a collaborare con le varie categorie professionali, in simbiosi con l’amministrazione, comunale si possano cominciare a trovare delle soluzioni che mettano d’accordo tutti gli operatori, anziché continuare a fare guerre e ripicche personali che non portano beneficio alla collettività ma solamente e riprovevolmente solo ad alcuni soggetti. (tra l’altro sempre i soliti)

Sarebbe auspicabile un consiglio comunale con la presenza di alcuni giovani che possano esprimere le loro necessità, che non sono certo quelle di un quarantenne o di un cinquantenne, cosi come sarebbe necessaria la presenza di persone over 55/60 al fine di rappresentare anche la categoria della terza età. Il nostro sogno sarebbe quello di vedere un sindaco donna coadiuvato da una giunta composta da operatori del settore, ognuno competente per la propria materia ad esempio: agricoltura, commercio, artigianato e via dicendo fino a creare uno staff di collaboratori/delegati per colmare le lacune che ovviamente non possono essere affrontate solo dall’amministrazione comunale.

Insomma, bisognerebbe abbandonare i personalismi tanto amati dai sanfeliciani, ovvero l’arte di coltivare solo ed esclusivamente il proprio giardino e di dare fastidio al giardino del vicino per mandarlo in rovina. Il benessere collettivo dovrà prendere il posto della “raccomandazione” dell’amico in comune o del parente. Sbloccare la situazione lavorativa creando nuovi posti di lavoro, collaborare con un’amministrazione comunale che non  sia una torre d’avorio solo per “gli addetti ai lavori” ma trovare negli amministratori delle persone disposte a tenere la porta del comune aperta per ascoltare le necessità del paese e dei sanfeliciani e sopratutto avere un sindaco che possa impegnarsi, con il  non facile compito assegnatogli, ad essere disponibile al massimo verso la popolazione e quindi una persona disposta a tralasciare altri impegni per fare il sindaco a tempo pieno e non solo “nel tempo libero”.

Amici, il futuro dei nostri figli oggi più che mai è nelle nostre mani, continuando a nascondere la testa sotto la sabbia o lasciar fare agli altri possiamo stare sicuri che i nostri figli non ci ringrazieranno!

Siamo su Facebook dateci il vostro consenso con un “mi piace” sulla pagina San Felice Circeo News

mi piace
Clicca qui

Cerchiamo collaboratori / editori per San Felice Circeo News, qui potrete scrivere i vostri articoli in modo libero e senza pilotaggi esterni, ovviamente nel rispetto delle leggi e delle persone, assumendosi la responsabilità di quanto si scrive. La procedura è semplice iscrivetevi nel sito e poi fateci sapere come intendete collaborare vi saranno dati i permessi necessari.

Ancora una volta Grazie a TUTTI

Precedente Parcheggi a pagamento: Risultati del sondaggio Successivo Livelli Baronali incontro ieri sera a San Felice Circeo

Facci sentire cosa ne pensi!!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.