Demolizione e indennità non riscosse, la Corte dei Conti indaga sulle Salzare

Un presunto danno erariale che si basa su due ipotesi: l’insussistenza del requisito di somma urgenza per la demolizione delle palazzine A, B e C e la mancata trascrizione al patrimonio comunale di tutto il “Serpentone”, con annessa mancata riscossione delle indennità d’occupazione abusiva degli appartam
originale su LatinaOggi.eu ©
Author:

Precedente Via Quarto, il costruttore Riccardo chiede i danni. Il Tar decide Successivo Temporale a Terracina, un fulmine cade su Monte Leano: principio di incendio