Coronavirus, domenica 2 nuovi casi positivi. Muore una donna di Aprilia

Ieri, domenica 25 maggio, la Asl di Latina ha registrato 2 nuovi casi positivi, di cui uno trattato a domicilio. Si tratta di un paziente di Aprilia e uno di San Felice Circeo.

Purtroppo è morta una donna di 88 anni di Aprilia, che era ricoverata nel reparto di Medicina Covid dell’ospedale Santa Maria Goretti di Latina.

Salgono così a 545 i casi in totale nella provincia di Latina dall’inizio della pandemia e a 34 i decessi. I pazienti ricoverati sono 30 e i guariti 421. Nessun paziente Covid è ricoverato presso la Terapia intensiva del Goretti.

Complessivamente sono 87 le persone in isolamento domiciliare.

Non ancora registrati, ma annunciati dal sindaco di Priverno, Anna Maria Bilancia, sono altri due casi positivi nel comune. Sono legati al centro dialisi, dove sono state contagiate diverse persone a causa di un medico che avrebbe contratto il Covid-19 non presentando però i sintomi.

“Purtroppo altri due dei tamponi effettuati ai familiari delle persone già risultate positive nei giorni scorsi, legate alla vicenda del nostro centro dialisi, sono risultati positivi, portando il numero dei casi di contagio a 11, tra dializzati, familiari e operatori, più altri 5 casi di persone residenti nei Comuni di Roccagorga, Sezze, Terracina e Pomezia, sempre coinvolte nella stessa vicenda – ha detto il primo cittadino – Ci sono alcuni tamponi ancora da effettuare, ma speriamo che il cluster si sia chiuso. Per saperlo dovremo attendere ancora. Oltre l’esito di tutti i tamponi anche la conclusione delle contumacie in cui si trovano le persone positive e quelle negative, ma che hanno avuto contatti con le prime. Dei nostri 11 concittadini risultati positivi 5 sono ricoverati presso il Goretti e gli altri 6 sono asintomatici o con lievi sintomi, tutti e 6 assistiti a domicilio”.

L’articolo Coronavirus, domenica 2 nuovi casi positivi. Muore una donna di Aprilia proviene da LatinaCorriere.it.

originale su Latinacorriere©
Author: Redazione

Precedente Coronavirus, l'analisi: il 61% dei casi è un uomo con età media di 59 anni