Caporalato, minacce ad Omizzolo

LATINA – Indiscusso paladino nella lotta al contrasto del caporalato in provincia di Latina ma sull’intero territorio nazionale, Marco Omizzolo è sempre più nel mirino della criminalità organizzata.
La conferma, puntuale, è arrivata venerdì mattina quando il sociologo e ricercatore dell’Eurispes di Sabaudia ha ricevuto una telefonata dal contenuto e dai toni intimidatori . Omizzolo nel suo primo giorno di vacanza in una località fuori regione ha risposto di buon mattino, alle 8, “quasi per sbaglio”, ad una telefonata. Della sua esistenza l’ha rivelata lo stesso Omizzolo con un post sul suo profilo facebook. Da un numero telefonico sconosciuto un uomo, facendo ricorso ad un dialetto napoletano piuttosto marcato e “a tratti incomprensibile”, ha chiesto ad Omizzolo con modi decisamente spiccioli di interrompere la sua attività contro ogni forma di illegalità, in primis quella legata alle varie di caporalato.

La telefonata è stata breve, un paio di minuti, ma il suo tenore ha conosciuto il suo clou quando l’interlocutore ha detto letteralmente ad Omizzolo: “Ci stai facendo perdere la pazienza”. Il sociologo non si è perso d’animo e per le rime ha tentato, nonostante le minacce e le accuse ricevute, di controbattere al suo interlocutore: “Dimmi almeno chi sei e come ti chiami – ha detto Omizzolo al telefonista che ha attaccato subito. “Sono solo vigliacchi senza dignità” – ha dichiarato il sociologo che ha relazionato informalmente alcune funzionari delle Procure di Roma e Latina anticipando che depositerà una denuncia querela presso la Polizia Postale.
Insignito dal Presidente Sergio Mattarella dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana per la sua coraggiosa opera in difesa della legalità attraverso il contrasto al fenomeno del caporalato, Omizzolo ha ricevuto la solidarietà del sindaco di Latina Damiano Coletta. “Nessuno si deve sentire solo, nei propri ambiti, nella lotta contro la criminalità e le mafie. Forza Marco, siamo tutti con te!” – ha scritto il sindaco del capuologo cui si è affiancato il gruppo consiliare di Lbc .
Quello di venerdì non è stato il primo atto intimidatorio subito da Omizzolo . Nella notte tra il 30 e 31 agosto 2016 ignoti avevano squarciato, utilizzando un grosso giravite appuntito, due delle quattro ruote della sua Ford Fiesta parcheggiata nei pressi della sua abitazione, nel centro di Sabaudia, dove aveva trascorso un breve periodo di vacanza presso i suoi familiari.
L’articolo Caporalato, minacce ad Omizzolo sembra essere il primo su temporeale quotidiano.
originale su Temporeale ©
Author: Saverio Forte

Precedente Coronavirus, due giovani contagiati in Provincia di Latina Successivo Aprilia, spento l’incendio alla Loas. Si attendono le nuove analisi sui valori